Professionisti

Danni da plasmaderivati e sangue infetto: arriva la sentenza.

Nel marzo del 2019 è giunto al termine un processo penale molto complesso, che ha visto la partecipazione di decine di testimoni e lo svolgersi di oltre sessanta udienze nel corso del dibattimento. Il Tribunale di Napoli, con sentenza resa il 25.03.2019, ha pronunciato l’assoluzione con formula piena “perchè il fatto non sussiste” nei confronti di tutti gli imputati, tra i quali anche gli ex dirigenti del Gruppo Farmaceutico Marcucci. Il Giudice di prime cure ha ritenuto, infatti, che non sia stata fornita la prova né della colpevolezza degli imputati (in relazione agli otto decessi legati all’assunzione di farmaci riconducibili
Continua a leggere…

IL CONSENSO INFORMATO

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10216923268181307&id=1453608229

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10216923268181307&id=1453608229

https://www.facebook.com/notiziariodisicilia/videos/10156208312812453/

Ricorsi per equa riparazione  per l eccessiva durata del processo (indennizzo cd Legge Pinto)

Lo studio assisterà tutti i soggetti che hanno preso parte ad un processo civile o penale che sia durato piu di tre anni in primo grado piu di due anni in Appello e piu di un anno in Cassazione. Il ricorso va presentato non oltre sei mesi dal passaggio in giudicato della relativa sentenza. I costi iniziali sono solo quelli delle spese (27 euro  piu qualche decina di euro per le copie autentiche dei verbali di causa). Il Giudice liquida a titolo di equa riparazione di regola una somma non inferiore a euro 400 e non superiore ad euro 800
Continua a leggere…

LO STATO DOVRA RISPONDERE ALLA CORTE DEI CONTI PER I MANCATI PAGAMENTI

20160510100059023 (1)

LEGALMENTE SANGUE INFETTO

SANGUE INFETTO ENNESIMO CASO IN SICILIA

IMPORTANTISSIMA SENTENZA CORTE COSTITUZIONALE

Riceviamo e volentieri pubblichiamo dallo Studio legale Belponer -Mancia una notizia che riguarda moltissimi italiani. Con la sentenza n. 70/2015 la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità del decreto legge n. 201/2011 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici) nella parte in cui poneva il divieto della rivalutazione delle pensione il cui importo sia superiore di tre volte al trattamento minimo I.N.P.S. (circa €. 1.441,58) nel biennio 2012-2013. In sostanza, la cd Legge Fornero aveva bloccato la rivalutazione secondo il costo della vita di tutte le pensioni che superavano iil triplo della pensione minima INPS; adesso lo
Continua a leggere…